Home Business Findstringers: guadagnare con i reportage

Findstringers: guadagnare con i reportage

168
0
SHARE

Guadagnare online da casa

Avete provato tantissime modi per guadagnare online da casa vostra ma fino ad ora non avete ottenuto dei risultati soddisfacenti? Con questo articolo vogliamo selezionare le migliori soluzioni per monetizzare le vostre passioni.

In particolare ci vogliamo concentrare su un lavoro che ha origini antiche ed è ricco di fascino, stiamo parlando del reporter. Si tratta di un impiego che nel corso degli anni ha visto cambiare più volte le sue caratteristiche, il suo target, le sue modalità.

A questo proposito, esiste un popolare marketplace grazie al quale potrete mettervi in contatto diretto con la domanda relativa a questo settore a anche troverà i migliori canali in cui indirizzare la vostra offerta.

È un “mondo” che non impone dei limiti prestabiliti; potrete arrotondare le vostre entrate o trarre una vera attività continuativa da questo tipo di attività; dipenderà tutto dal vostro impegno e dal tempo che dedicherete al lavoro in questione.

Certamente non esistono “guadagni facili”, né senza sacrificio, prima di rivolgersi ad un determinato sito web al quale affidare i nostri prodotti o servizi, dobbiamo scegliere quale strada imboccare per far si che la nostra attività sia adeguatamente riconosciuta. Fino ad oggi, come per altri settori, anche per quello dei reportage ci sono stati i blog dove scrivere su un questo argomento specifico che fa parte dell’ampio mondo del giornalismo. Se avete un minimo di pratica con l’informatica potete creare come primo passo il vostro blog personale e monetizzare tutti i contenuti che decidere di scrivere. Certamente non è una cosa semplice e che può avvenire in breve tempo; la verità è che esiste più di una soluzione: alcune facili e altre decisamente difficili.

Reportage come monetizzare

Fortunatamente grazie a internet oggi per ogni vostra esigenza esistono guide che vi danno un aiuto concreto a costruire in modo completo le basi per proporre i vostri prodotti e servizi nel migliore dei modi.

Inoltre se avete la passione per il reportage, oggi è molto più facile metterla in pratica, anche dal punto di vista visivo; i moderni smartphone ormai non hanno nulla da invidiare alla macchine fotografiche di media qualità. A questo punto sarete in grado, attraverso lo scatto di fotografie mirate e la scrittura di un articolo specifico o più pezzi dedicati a diversi temi, di creare il vostro reportage; ormai non è solo un mondo riservato ai professionisti del settore ufficialmente tesserati ma anche a chi pratica come freelance, o chi intende iniziare a lavorare in questo ambiente.

Opportunità di guadagno online

Il concetto base di questo tipo di opportunità è quello di trovare un punto di incontro tra le redazioni dei giornali e i reporter freelance.

Diventare reporter è dunque possibile, basta indirizzarsi verso i giusti canali; conviene dunque affidarsi a una nuova rete di contatti, che mette in comunicazione domanda e offerta a livello internazionale e si chiama Findstringers. A differenza degli altri servizi “Pay to Write” su FindStringers i prodotti che trovano l’interesse maggiore da parte della organizzazioni sono i reportage.

Si può creare un account dove pubblicizzare i propri reportage; in seguito gli editori interessati contatteranno direttamente l’autore per discutere sull’acquisto. Come molte cose che arrivano in Italia, anche questa iniziativa ha trovato origine negli Stati Uniti.

In particolare è un’idea di tre ex cronisti del Los Angeles Times, che avevano in mente di creare degli spazi utili ai reporter freelance, per potersi esprimere al meglio. Una rete di professionisti e collaboratori selezionati per dare vita a un network dinamico e flessibile sul territorio.

Tuttavia il più attivo protagonista di questa rete è Gary Symons, che con Findstringers ha intenzione di arrivare a un network internazionale di 10mila giornalisti.

Non è un lavoro facile, perchè deve sfidare altre organizzazioni che hanno già iniziato le loro pratiche per reclutare giornalisti freelance.

Per esempio, Demand Media diffonde notizie raccolte attraverso la sua rete di collaboratori: in Gran Bretagna i suoi utenti sul web sono raddoppiati nell’ultimo anno e ha annunciato anche una prossima quotazione in Borsa.

Un’altra realtà di questo settore è il provider di servizi internet Aol che ha come obiettivo quello di sviluppare il progetto “Seed” per alimentare una rete in grado di coprire anche le province degli Stati Uniti.

Il quotidiano inglese The Guardian ha puntato invece sul giornalismo scientifico: le news di fisica, biologia, chimica saranno gli argomenti principali per un gruppo di blogger professionisti che ingrandiranno il panorama dell’informazione dedicato a lettori specializzati.

Proseguiamo la nostra panoramica con lo spazio online di Ebyline, questo il nome dell’iniziativa, che ha molteplici funzioni; rappresenta una vetrina dove esporre le proprie idee.

Anche qui, una volta spiegata la propria iniziativa, il tutto passa al vaglio delle redazioni di quotidiani e settimanali che possono esprimere il loro interesse; in caso positivo raccolgono l’idea proposta e si confrontano per portarne avanti lo sviluppo passo dopo passo attraverso internet.

Nella fase successiva, decidono un compenso per l’articolo o il reportage. In questo modo hanno “uno sguardo” sempre attivo sul territorio, con un ampia proposta di notizie sempre attuali.

Ebyline, come associazione ha accordi con testate come ProPublica, la rivista online che ha ricevuto il premio Pulitzer per un’inchiesta sugli ospedali di New Orleans; inoltre può contare su una collaborazione con Variety e il Texas Observer; dagli Stati Uniti passiamo ora all’Europa.

Un avvenimento importante nel 2010 ad Amsterdam, è stato il debutto del sito web Findstringers, inizialmente era una versione sperimentale ad accesso limitato; sviluppata l’idea degli Stati Uniti, oggi è dedicato soprattutto ai freelance, con l’idea di costruire una rete internazionale di reporter che possono essere contattati in modo veloce.

Un nuovo modo di concepire questo lavoro, una piattaforma moderna che darà voce a chiunque voglia dedicarsi con serietà a quest’attività; avendo inoltre la possibilità di comunicare anche attraverso le immagini, nel mondo di oggi dove tutto viene consumato in fretta e spesso non si da troppa attenzione ai contenuti.

In questo caso il reportage assume ancor più significato, resta solo l’impegno da mettere da parte vostra, per partecipare attivamente al network in cui vorrete entrare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.