SHARE
Buoni spesa come richiederli

Vista l’emergenza Coronavirus, il governo ha pensato di andare incontro a tutte quelle famiglie in difficoltà, che per mancanza di lavoro stentano all’acquisto dei beni necessari.

Pertanto, sono stati sbloccati 400 milioni di euro ed inviati sul Fondo per i Comuni, da poter convertire in buoni spesa.

Così facendo, si avrà la possibilità di acquistare ed allo stesso tempo distribuire in maniera diretta tutti quei beni di prima necessità.

Tale cifra è stata “spalmata” secondo alcuni criteri ben precisi, come ad esempio l’indice di povertà e il numero di abitanti. Il tutto è entrato in vigore da aprile 2020 e numerosi volontari hanno distribuito questi buoni a tutte le famiglie che necessitano aiuto economico.

Ovviamente, per poter beneficiare del servizio, risulta fondamentale appartenere ad una serie di requisiti essenziali, che vi spiegheremo successivamente.

Buoni spesa valore

Prima di scoprire nel dettaglio come richiedere i buoni spesa, vediamo un po’ il loro valore e le corrispettive variazioni.

Dunque, il loro importo oscilla mediamente sulle 300 euro ma può andare incontro ad alcune modifiche, partendo quindi da 100 a 600 euro.

Solitamente, si stabilisce la somma in base al numero di componenti di una famiglia.

Ad esempio, nel comune di Roma hanno stabilito fino a 300 euro per i nuclei di 1-2 persone, 400 euro per 3-4 persone e 500 per più di 5 persone.

Tuttavia, anch’essa è una regola che deve tener conto di alcuni fattori, strettamente legati a tutte le entrate economiche fisse. Questo perché nel caso in cui una famiglia dovesse percepire già uno stipendio, la storia cambia.

Di conseguenza, l’esempio è valido in riferimento a tutti quei cittadini che hanno realmente bisogno di un sostegno.

Buoni spesa come utilizzarli

I buoni spesa si possono utilizzare per il settore alimentare di prima necessità o i farmaci, presso tutti quei punti vendita che hanno scelto di aderire all’iniziativa.

Dal punto di vista della durata di validità, al momento si sa solo che l’erogazione è prevista per il periodo di aprile-maggio, fino ad esaurimento fondi.

Tuttavia, nel caso l’emergenza Coronavirus dovesse continuare per altri mesi, il Governo prenderà in considerazione l’idea di sbloccare nuove risorse.

Buoni spesa a chi spettano

Come vi abbiamo già accennato in precedenza, i buoni spesa spettano a tutte quelle famiglie che si trovano in uno stato di difficoltà economica.

Pertanto, per poterli richiedere, bisognerà tener conto di tutti i seguenti requisiti:

  • Il Comune di residenza
  • La tipologia di nucleo familiare (in termini di numero componenti)
  • Il reddito famigliare (e dunque l’ISEE)
  • La situazione legata al patrimonio immobiliare (senza casa, con mutuo, in affitto ecc)
  • Entrate extra

E tanto altro ancora…

Buoni spesa come richiederli

A questo punto ci si chiede: come richiedere i buoni spesa nel caso in cui si dovesse rientrare in uno dei requisiti sopra citati?

La risposta è davvero semplice. Vi basterà andare sul sito web del proprio comune di riferimento e cercare la sezione dedicata ai buoni spesa.

Dopodiché, controllare se si rientra nelle regole prestabilite ed effettuare la domanda (anche per via telefono nel caso non si avesse dimestichezza con il pc)

Ovviamente, tale procedura non è affatto universale e anche le modalità di compilazione possono variare a seconda del comune in questione.

Una volta che si viene accettati, saranno loro stessi a provvedere con l’invio dei buoni spesa a domicilio. Questo perché si vuol evitare il più possibile gli assembramenti di gente.

Buoni spesa modalità di consegna

Ogni singolo comune si sta mobilitando per la spedizione dei buoni spesa alle famiglie più bisognose.

Tuttavia, non sono consegnati solo ed esclusivamente di casa in casa (sempre per evitare la questione spostamenti, anche dei postini) ma si possono scaricare anche online, attraverso la modalità web.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.